AUTHOR / BIBLIOGRAPHY

qqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqq

 

 

 

 

 

 

 

 

Buon compleanno Andrea Camilleri, Giuseppe Consolo, Fulco Pratesi …. Luciano de Liberato …..

 

documents                                                                 

•2018 – Gino Di Tizio, Massimo Pamio, “Chieti e i suoi cittadini illustri” Ed. Mondo Nuovo Università di Camerino, Alessandro Zona,“Lezioni di Tecnica delle Costruzioni” In copertina : “Codice 1, Prefazione” * 2017 – Seattle Artist League –  Art school  – Luciano De Liberato – Pathways And Geometry  – http://bit.ly/2mKZdn0  • 2016  – IL TEMPO Cultura – 14 genn. 2016, “Lo stato dell’ Arte” di Gabriele Simongini • 2015 —- SAATCHI ART – Inside the Studio – Link:  http://bit.ly/1R5L3II —- THE MAKING OF, Arte e Comunicazione – Intervista —- GINO DI TIZIO, IL CENTRO, “De Liberato, artista umile che conquista New York” Link: http://bit.ly/1IylZks —- NEW YORK, BASAK MALONE Gallery, “The New Collector Book” • 2014  ARTISTADAYTOP 10 Italy – 13 maggio  • 2013  – VASTO – XLVI Premio Vasto, Silvia Pegoraro in catalogo • 2012 – RAI 3 , “Che tempo che fa del lunedì” 29 ott. 2012 – Scenografia tratta dall’opera “rosso 2” di Luciano de Liberato —– SAATCHI ART, « 100 Curatori 100 giorni », Luciano de Liberato segnalato da Christina Steinbrecher —- SCOPRI NEW YORK – Come si sfonda nell’arte a New York? di Piero Armenti —- QUOTIDIANO.netil Resto del CarlinoEsteri 30/7/12, New York “Lincoln Center, Italian Style” di Martina Manfredi —- IL TEMPO – cultura 3/4/12 ” Luciano De Liberato da Chieti a New York” di Gabriele Simongini  —- EXIBART.com, Italiani a New York —- NEW YORK,  LINCOLN CENTER, l’opera “RED” 2003 di Luciano de Liberato immagine del Lincoln Center Festival 2012 su: cataloghi, manifesti, giornali, siti online, facebook —- RAFFAELE SIMONGINI “L’Arte ama nascondersi” Libreria Universitaria, in copertina “Labirinto interrotto” • 2011 —- CORRIERE DELLA SERA, 14 agosto, pagina Cultura, “nodo di marzo” opera di Luciano de Liberato, a corredo dell’articolo di Alberto Arbasino su Sandro Pertini —- ARTREVIEW  Intervista a Luciano de Liberato, a cura di Jrn Calo —- EL POETA MULTIMEDIA MAGAZINE Intervista a cura di Jrn Calo —- SASSOFERRATO “Premio Salvi”, Gabriele Simongini in catalogo —- CECILIA ci, Exibart.com – recensione della personale di Luciano de Liberato a Palazzo del Ridotto —- CECILIA GAETANI, Il Resto del Carlino, Cesena ,13 maggio 2011 —- CLAUDIA ROCCHI, Corriere Romagna, Luciano De Liberato al Ridotto —- ANTONIO DAL MUTO ” Luciano De Liberato innalza la tensione culturale”, Corriere Romagna —- ENRICO GUIDI, Corriere Cesenate, — ANPO“ Prevenzione” rivista, Maggio, L’artista della copertina Luciano De Liberato —- SAATCHI ART 18 aprile  TOP 10 scelti da Natasha Hoare —- SAATCHI ART 28 marzo  TOP 10 scelti da Chenoa Solis —- SAATCHI ART 21 marzo Home page – Luciano De Liberato Artista del giorno — CESENA, Palazzo del Ridotto, personale, catalogo • 2010 – TORNARECCIO Un mosaico per Tornareccio, V° edizione, in catalogo —- Art in Italy n° 32, catalogo e copertina  • 2009 – RAI 1 – RAI EDU 2 – The Making of  – pittori al lavoro, Luciano de Liberato (9 min.) —- CESANO MADERNO, MILANO “1000 artisti a palazzo” catalogo a cura di Luciano Caramel —- GABRIELE SIMONGINI ” Luciano de Liberato il cyberpittore dal cuore antico” testo sul ciclo “Circuiti-Robots-Chips” —- ANTONIO DAL MUTO, Luciano De Liberato in “La Voce” —- ENRICO GUIDI, Luciano De Liberato in “Corriere Cesenate” • 2008 RAI 3 – RAI EDU 2 – Art News – the making of, “Luciano de Liberato a lavoro” (3 min.) —- ANPO –  ottobre 2008, in copertina l’artista del mese Luciano De Liberato. —- GABRIELE SIMONGINI in Terzocchio, n 5 genn. marzo “Se il pennello dialoga con il mouse” —- Mensile Bologna, genn.2008, in copertina “Nodo 2001” di Luciano de Liberato, Galleria Victim Design • 2007 – CALTAGIRONE, MUSEO d’ARTE CONTEMPORANEA, acquisizione opera storica di Luciano de Liberato per la collezione permanente. —- VASTO (Ch), 40° premio d’arte contemporanea ” In corso d’opera” testo in catalogo di Maria Cristina Ricciardi. • 2006GUGLIONESI, PINACOTECA d’Arte Contemporanea, opera acquisita per la collezione permanente —- “CENTOTTANTA” romanzo di GIANFRANCO CONTINI, in copertina ” Labirinto 61 ” di Luciano de Liberato —- MILANO ” World Museum, mostra Barindelli Swatch collection • 2005PIEVE di CENTO, BOLOGNA, Museo delle generazioni Italiane del ‘900, opera di Luciano de Liberato nel  Catalogo della collezione permanente, a cura di GIORGIO DI GENOVA —- PESCARA – VARIO,  n°54 luglio 2005, Luciano De Liberato “L’arte che   intreccio” di Annamaria Cirillo — CHIETI, Galleria Trifoglio, personale, catalogo • 2004GIULIANOVA (Te) MAS Museo d’arte dello splendore, in collezione permanente • 2003– Luciano De Liberato – Vito Pancella , opere e attività, edizione Trifoglio Arte • 2002A. GASBARRINI – A. ZIMARINO “Artisti del ‘900 in Abruzzo” —- LEO STROZZIERI “Iperluoghi” Termoli – testo in catalogo. • 2001MILENA MILANI “Nuovi itinerari” testo di presentazione per la personale di Luciano de Liberato a Cortina d’Ampezzo, allo “Spazio Cultura” a cura della Galleria Gioacchini —- THATS’ ART  n°18 -marzo- monografico, edizioni di Milano, Roma, Torino. —- LUIGI MONTI, CORTINA MAGAZINE n° 43 “Luciano De Liberato a  Spazio Cultura” —- LEO STROZZIERI “Pueri et Magistri”, Pianella, collettiva nazionale, testo in catalogo —- Luciano De Liberato, monografico, opere recenti “Nodi” edizione Trifoglio Arte   • 2000GABRIELE SIMONGINIIL TEMPO Cultura, Roma 3.6.2000 “Luciano De Liberato e le fasce del mistero” —- RENATO CIVELLO, in  Il SECOLO  dITALIA, 17.5.2000 “ARGAM generazioni e tecniche a confronto —- LUIGI MONTI, CORTINA MAGAZINE, n°42 ” Nuovi itinerari di Luciano De Liberato” — Arte a Cortina, ” Personale di Luciano De Liberato” —- Annamaria CIRILLO, “Luciano De Liberato”, in Pescaradomani maggio — Annamaria CIRILLO, “Luciano De Liberato” monografia —- MARIA AGNIFILI, “Artisti Abruzzesi dal Medioevo ai nostri giorni” Collana di studi Abruzzesi n°31 —- ENZO VANARELLI, testo in catalogo monografico —- Annamaria CIRILLO, “Luciano De Liberato”, in Pescaradomani, giugno — Pescara, Teatro D’Annunzio, personale, catalogo • 1999 – TELEMARKET,  9 giugno, Telegiornale dell’Arte, Servizio sulla personale di Luciano de Liberato a Roma alla Galleria Andrè —- GIOVANNA COPPA, testo in catalogo “Artek”, Popoli, Museo D’Ascanio —- ANNAMARIA CIRILLO, “Luciano De Liberato” in “Giorno e Notte” —- STEFANIA MORELLI , in Quotazioni, Nov. 1999 —- GIUSEPPE ROSATO, “Quei giovani amici pittori” edizione MUVI Museo di Nocciano • 1998GABRIELE SIMONGINI, “Affermazione e vitalità della pittura astratta” in IL TEMPO Cultura, Roma 29-5-1998 —- GABRIELE SIMONGINI, testo in catalogo per la personale di Luciano de Liberato ad Ancona, alla Galleria Gioacchini —- GABRIELE SIMONGINI, “Le trame di una ordinata passione” le opere di Luciano De Liberato, Marche domani —- RAI 3 – Telegiornale Marche “De liberato alla Galleria Gioacchini di Ancona” —- ARTIVISIVE in PROGRESS, Roma 1969-1998  Artivisive di Sylvia Franchi, Studio d’Arte Contemporanea, Volume storico, Edizione Christengraf 1998 —- FRANCO BRINATI ” Musicalità cromatica nelle opere di Luciano De Liberato” in Il Resto del Carlino —- I COLORI DEL MARE IN BANCA” edizione Caripe, a cura di Marina Giordani, Studio Calcografico Urbino di Pescara —- Il RESTO DEL CARLINO, “Luciano de Liberato, Un maestro dell’informale” 22.5.1998 — Ancona, Galleria Gioacchini, personale, catalogo • 1997SDA BOCCONI, MILANO. ” Pour Fetes ” opera di Luciano de Liberato in esclusiva per i depliants 1998 dell’ Università Bocconi —- LEO STROZZIERI, Pianella (Pe) “Ricerche Contemporanee”, collettiva nazionale, testo in catalogo • 1996LEO STROZZIERI, “Linee di ricerca” Fermignano, testo in catalogo —- MARIA LUIGIA PERGOLA, Le Ortiche, “Maestri della pittura contemporanea alla Galleria Trifoglio di Chieti” • 1995Nocciano, MUVI – Museo d’Arte Contemporanea, acquisizione per la collezione permanente • 1994 –  GIUSEPPE SELVAGGI in IL GIORNALE d’ ITALIA, Roma “Le trame della vita dipinte con l’ago” 16.10.1994 —- GABRIELE SIMONGINI,  Il TEMPO, Roma, Terza pagina, “De Liberato e il teorema dell’immagine” —- MARCELLO VENTUROLI, ” Come in un teorema, segno, materia e immagine, La pittura di Luciano De Liberato”, monografico per la mostra antologica a Roma alla Galleria la   Borgognona   —- GIUSEPPE ROSATO, Rai 3 abruzzo, “Che arte fa” 30.9.94 ” Luciano De Liberato alla Borgognona ”  —- Il GIORNALE dell’ ARTE, ” De Liberato a Roma” Personale alla Galleria La Borgognona —- EDIARS -Oggi e Domani Pescara, Almanacco Abruzzese 1994 —- Il TEMPO, Abruzzo, ” Luciano De Liberato alla Borgognona” —- GIANDOMENICO CELLI, in La Gazzetta di Chieti, “De Liberato alla Borgognona” —- F.A. in MOMENTO SERA,  Roma  13.10.’94   “De Liberato a Roma” —- VITO APULEO, il MESSAGGERO “Luciano De Liberato alla Borgognona” —- RUGGERO SICURELLI ” Luciano De Liberato: i nodi e l’essere” — Roma, Galleria La Borgognona, personale, catalogo • 1993 MARCELLO VENTUROLI, in Il Resto del Carlino, “Trionfo di colori, un giardino di melograni, un grande uovo”, Luciano de Liberato alla Galleria Rosati —- CARLO MELLONI, in Il Resto del Carlino, ” De liberato alla Galleria Rosati di Ascoli Piceno” —- Il Resto del Carlino, ” De liberato, esploratore nei territori della memoria” —- RAI 3 marche, Telegiornale, “De Liberato alla Galleria Rosati di Ascoli Piceno” • 1992Il GIORNALE dell’ ARTE, “La lampada di Aladino” marzo 1992 —- LA STAMPA, “La Lampada di Aladino” Alassio, 5/12 marzo’92 • 1988  – LIA DE VENERE, ” Luciano De Liberato” in For You, Lecce  • 1987 -“ALTERNATIVE ATTUALI L’Aquila, a cura di ENRICO CRISPOLTI, testo in catalogo • 1984BASILEA, ART 15’84, International Art Fair, in catalogo —- MARIE LOUISE SYRING – GERARDO PEDICINI, “PARCOURS testo in catalogo ” Le carrefour des langages” RENNES, MAISON DE LA CULTURE – Galerie A. Malraux —- MARCELLO VENTUROLI, in FLASH ART n° 121 giugno 1984 —- ANNA D’ELIA, ” Luciano De Liberato” La Gazzetta del Mezzogiorno  • 1983BASILEA, ART 14’83, International Art Fair, in catalogo —- MARIO DE CANDIA, in LA REPUBBLICA “Luciano De Liberato alla Galleria Artivisive di Roma” 7.1.1983 —- MARCELLO VENTUROLI, testo in catalogo Premio Internazionale Michetti, Francavilla al Mare • 1982LORENZO MANGO, in PAESE SERA, “Luciano De Liberato il cercatore d’oro” recensione della personale a Roma, Studio  Artivisive  di  Sylvia Franchi —-LAMPEDUSA, Pinacoteca d’Arte Contemporanea, acquisizione opera di Luciano de Liberato per la collezione permanente • 1981CAPITAL  “I GUTTUSO di domani”  n° 11 nov.1981 • 1980 – BOLAFFI, Catalogo Nazionale d’Arte Moderna, Vol. 2° SEGNALATI BOLAFFI per la pittura —-BOLAFFI, Catalogo nazionale Bolaffi n° 15 vol. critico finanziario • 1978MAURIZIO FAGIOLO dell’ARCO, “Oggetto dell’ Intelletto” testo di presentazione per la personale di Luciano de Liberato a Roma alla Galleria Artivisive di Sylvia Franchi, a cura di FILIBERTO MENNA —- MARIA TORRENTE, in La Voce Repubblicana, recensione della personale alla galleria Artivisive di Roma • 1977MARCELLO VENTUROLI, Testo in catalogo per la personale a Pescara, galleria Ponterosso, febbr.marzo 1977 —- GIUSEPPE ROSATO, RAI 3 Abruzzo, Artesette “Luciano De Liberato alla Ponterosso” —-MARCELLO VENTUROLI, “ARTHEATRE” testo per la personale di Luciano de Liberato ad IMOLA, Galleria del Centro, a cura di FRANCO SOLMI —- MARCELLO VENTUROLI, Testo per il catalogo XXXI Premio Internazionale Michetti, Francavilla al Mare  • 1976 MARCELLO VENTUROLI, Testo di presentazione in catalogo XXX Premio Internazionale Michetti • 1975GUIDO GIUFFRE’, testo di presentazione per il catalogo del XXIX Premio Internazionale Michetti, Francavilla al mare —- MARCELLO VENTUROLI, lettera in catalogo XXIX Premio Michetti —- MARCELLO VENTUROLI, testo in catalogo personale a Chieti, studio G.M.—- MANTOVA PREMIO LUBIAM, (1° premio borsa di studio per la pittura a Luciano de Liberato) sett.nov.1975. Articoli in: Il Resto del Carlino (15.9) La Notte(15.9) L’Arena di Verona (20.9) La Fiera Letteraria (21.9) Oggi (29.9) Il Tempo (3.10) Il Giornale d’Italia (11.10) La Gazzetta del Mezzogiorno (15.10) L’Unità (22.10) Panorama (20.11) Epoca (22.11) Gente (24.11)

 

Gino Di Tizio – Massimo Pamio, Chieti e i suoi cittadini illustri, II° vol. Nov. 2018

 

Alessandro Zona – Lezioni di Tecnica delle Costruzioni – 2018 – Università di Camerino

“Troppi Diritti” Alessandro Barbano, Mondadori. Ascea Marina, presentazione

15036398_897474203722187_5019718855567688120_n

Giuseppe Di Vietri, Univ. Federico II, Napoli, Tesi di Laurea

NEW YORK,  Basak  Malone  LLC,  2015 .        ……con artisti rari e artisti affermati a livello internazionale, il libro si propone di essere un archivio d’arte di cui fare tesoro come testo di riferimento”(estratto dalla prefazione editoriale)

 

 

 

 

RAFFAELE SIMONGINI

2012, Raffaele Simongini, saggistica. In copertina: “Labirinto interrotto”  2008, acrilico su tela di Luciano de Liberato

Gianfranco Contini, Centottanta, romanzo. In copertina “Labirinto 61/05”

 

 

 

 

TEATRO MARRUCINO Chieti

 

ANPO – Onlus

ANPO – Onlus

 

Art in Italy, 2010, copertina

F

 

Luciano de Liberato  

Iniziò nel 1975 un percorso itinerante nell’arte, avviando una ricerca segnica intrisa di potenzialità linguistiche e psicologiche. Subito notato, spronato e aiutato dalla critica militante (Lorenza Trucchi, Marcello Venturoli, Enrico Crispolti, Franco Solmi) venne presto consacrato artista di livello nazionale in una mostra personale a Roma, nel 1978, nella storica Galleria Artivisive di Sylvia Franchi; mostra voluta e curata da Filiberto Menna e presentata da Maurizio Fagiolo dell’ Arco.  

« Fra i protagonisti della pittura europea negli anni ’80 » , (cit. M. Venturoli, saggio sull’ artista, Ostia 1994 ), fu considerato « un giovane maestro e uno dei grandi coloristi italiani » (cit. F. Menna, pers. Studio Artivisive Roma, 1984). 

Nel 1975 con le sue opere prime vinse il “Premio Lubiam” Nel 1980 fu “Segnalato Bolaffi per la Pittura”.                                                      Nel 1981 fu inserito su “Capital” tra i giovani artisti emergenti. 

Nel suo percorso 49 mostre personali;  fra le quali, nel 1983 e nel 1984, due personali in “ART BASEL”, da sempre la più prestigiosa e selettiva Fiera d’Arte Internazionale. Per merito del costante rinnovamento della sua ricerca (ancora oggi inesausta), negli anni di esordio fu invitato a quattro edizioni del Premio Michetti. (1975 / 76 / 77 / 83). Nel 2011, su segnalazione di Marco Vallora e Gabriele Simongini, venne invitato al Padiglione Italia (Abruzzo) della Biennale di Venezia. 

Dal 1990,  per dedicarsi totalmente  all’arte, si è ritirato in isolamento nel suo studio nella provincia italiana. Tutta la sua opera è condotta mediante cicli  di ricerca.  Dal 1994 utilizza un linguaggio unico e personalissimo, con una poetica autentica, fuori da mode e tendenze manieriste. 

Nel 2011 poi, decise di interrompere tutti i rapporti in essere con le gallerie italiane. Proponendosi sul web in ambiti internazionali e in totale autonomia, i risultati non si fecero attendere: nel 2011 a NEW YORK, una sua opera, “RED”,  venne scelta come immagine del “LINCOLN CENTER FESTIVAL” 2012, portando in breve tempo tutto il suo lavoro a notorietà planetaria (*). 

Nel 2015  da NEW YORK la  “Basak Malone Company” gli chiese l’autorizzazione ad inserirlo in una selezione storica di « artisti rari e artisti affermati a livello internazionale » (cit. dalla prefazione editoriale del libro).  

Nel 2016 a SEATTLE – Washington – Stati Uniti, nella “Seattle Artist League ” Art School, (Scuola d’Arte di ogni ordine e grado) la sua ricerca è stata inserita nei programmi di studio dell’Arte Contemporanea.

(*) Visite documentate sul suo Sito web, WordPress, (senza alcun apporto pubblicitario), da giugno 2013 al 23 sett. 2018:  90129 pagine visionate da 1948 città di 112 nazioni.

 

  USA/UK    https://en.wikipedia.org/wiki/Luciano_de_Liberato

  IT                     https://it.wikipedia.org/wiki/Luciano_De_Liberato 

  FR                 https://fr.wikipedia.org/wiki/Luciano_De_Liberato

                             

 

XXXXSeattle Artist League – Art school  – Washington – USA

             (Scuola d’Arte di ogni ordine e grado)

XXXXLUCIANO DE LIBERATO – Pathways And Geometry

 http://bit.ly/2mKZdn0

 

  IL TEMPO 14 genn. 2016  Gabriele Simongini    http://bit.ly/2hBRB7a

 

Non ci sono più i De Chirico, Guttuso e Schifano, ma sono molti gli italiani apprezzati all’estero.

 

….. non si può fare a meno di citare Luciano De Liberato, pittore astratto che vive in completa solitudine in Abruzzo e che sta conoscendo un notevole successo internazionale attraverso il web…..

 

        HHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

 NEW YORK –  Lincoln Center   http://bit.ly/2hldc31

Artwork “RED”, by Luciano de Liberato,  chosen as an image of the Lincoln Center Festival  2012.

L’opera “RED ”, 2003, di Luciano de Liberato, è stata scelta come immagine del Lincoln Center Festival 2012, per illustrare i programmi e i 67 spettacoli internazionali di teatro, danza, opera, musica.

Il  LINCOLN  CENTER  è il centro leader mondiale nel settore arti performative. Un complesso di teatri, sale e auditorium:   Metropolitan Opera,  New York State Theater,  New York Philharmonic,  New York City Ballet, New York City Opera, Lincoln Center Theater, ecc.

 

NEW YORK   –   BASAK MALONE Company

The New Collectors Book   2015   http://basakmalone.com/

 

 

 

……” covering a wide scope of current practices in the contemporary art scene and introducing rare artists, and established artists on an International scale, the book aims to be an art archive to be treasured as a reference book”.

…..”coprendo una vasta gamma di pratiche attuali nel panorama dell’arte contemporanea con artisti rari e artisti affermati a livello internazionale, il libro si propone di essere un archivio d’arte di cui fare tesoro come testo di riferimento”. (estratto dalla prefazione editoriale)

 

 WEI AN CHEN,  Taiwan

 

 

IIII

III

IIIII

I

 

 

 

 

Wei An Chen’s S/S 15 collection “WHEN 60’S MEET PLEATS” combines 60’s fashion trends “space age” with Japanese paper craft origami to create a dynamic and colourful aesthetic. Chen’s exploration and experimentation with various origami styles are conveyed into three-dimensional textures within her collection. Chen’s print is inspired by Italian Artist Luciano De Liberato, and his use of simple lines combined with a vivid palette. She plays with the scale of her print to create a complex effect that transmits depth and dimension. Due to the mixture of bright-coloured digital print, Chen chooses to keep the silhouette simple yet sharp.

 

 Site Art RAI – MAGAZZINI  EINSTEIN 

“THE making of”   Artisti a lavoro, 2008     http://bit.ly/1eipKNH

‘The Making of’ è il titolo di una rubrica della trasmissione televisiva Art News per la quale alcuni tra i più prestigiosi artisti italiani sono stati chiamati a realizzare un’opera davanti alle telecamere, accettando di mettere in scena le diverse fasi del processo creativo, dall’ideazione alla firma.

Luciano de Liberato has painted a work live, inspirated by the electronic circuitry of the computer   –   Version 3 minutes

rai-1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 RAI 1 – RAI 3 – RAI 5 – RAI Storia

Version 9 minutes http://bit.ly/2fjwMM8

Luciano de Liberato ha dipinto un’opera in diretta ispirandosi ai circuiti elettronici del computer

rai-3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 IL TEMPO, Roma,  cultura, 3 apr. 2012  

 Miracolo Italiano “De Liberato da Chieti a   New York (senza spintarella)”

 di Gabriele Simongini                                            http://bit.ly/2hw4CfS

La «favola» di Luciano De Liberato, da Chieti a New York, dritto dritto ad illustrare con una sua opera il programma e le manifestazioni del Lincoln Center Festival 2012…..

…..E senza segnalazioni né raccomandazioni, scelto solo per la qualità della sua ricerca, insomma per pura meritocrazia, parola quasi sconosciuta nel nostro paese…. 

 

 RAI 3 –    Che tempo che fa del lunedì29/10/2012  

 

  Scenografia tratta dall’opera “Rosso” di Luciano de Liberato 

 

Il Centro – Gino Di Tizio 2015

http://www.ilcentro.it/chieti/de-liberato-artista-umile-che-conquista-new-york-1.1300397?utm_medium=migrazione


 

ARTISTADAY  –   TOP 10 Italy,  2014

http://artistaday.com/?p=21963

IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

 

 

Art on Fashion®    (Belfast, Irlanda) è un leader di nicchia di moda creata con opere d’arte originali di artisti internazionali. Arte per il guardaroba in edizione limitata. L’opera “RAIN” (Pioggia)  2009, di Luciano de Liberato è stata utilizzata per la collezione autunno-inverno 2013.

 

XLVI  Premio Vasto

Scuderie Palazzo Aragona  Luglio/ottobre 2013 

Le molte anime dell’astrazione nell’Arte Italiana” a cura di Silvia Pegoraro 

….un grande artista appartato (per quanto protagonista di importanti  manifestazioni  internazionali) come Luciano de Liberato…..

(dal testo in catalogo di Silvia Pegoraro)      http://bit.ly/JOzNQJ

 

SAATCHI ART   Los Angeles 100 curatori 100 giorni “ sett. 2012   

In mostra gli artisti selezionati dai curatori dei più prestigiosi Musei e gallerie del mondo. ( MoMA, LACMA, Palais de Tokio, Kunsthalle di Vienna, Pace/MacGill Gall., Manifesta 8, etc.) Un progetto di Rebecca Wilson direttrice della Galleria Saatchi di Londra. 

In primo piano sul  The New York Times   

Luciano de Liberato è stato segnalato da Christina Steinbrecher direttrice artistica di Vienna Fair e di Art Moscow. Curatrice al National Centre for Contemporary Art Moscow; curatrice della Moscow Biennale 2009 e della Sputnik Art Foundation. E’stata curatrice  di “Unconditional Love” alla 53° Biennale di Venezia 

0007123109

 

” Come si sfonda nell’arte a New York? ” di Piero Armenti   

Chiedetelo a Luciano de Liberato, un artista schivo e ammirato dalla critica ! Soddisfazione nell’ambiente artistico italiano della Grande Mela…. …..Un bel colpo in un momento decisamente fortunato dell’arte italiana, con Alighiero Boetti che espone al Moma, Lara Favaretto al Moma Ps1, e Prada al Met.

 

0008121625il Resto del Carlino

QUOTIDIANO.net,  New York 30 luglio 2012                          http://bit.ly/2gAdzTe

Lincoln Center, italian style – “Rosso” italiano per l’immagine di copertina del Lincoln Center Festival 2012″  di  Martina Manfredi

.….il “rosso” di Luciano De Liberato  sarà infatti usato per tutta la promozione e la pubblicità del programma; dai media ai cataloghi, le riviste, i manifesti ma anche nei vari canali digitali e nei social network. Con licenza esclusiva mondiale e perpetua, il pittore italiano si è guadagnato l’immagine simbolica di un Festival che ogni anno attira nella Grande Mela milioni di visitatori….. Deluso dal sistema dell’arte italiano…..  ha guadagnato visibilità  negli Stati Uniti; consacrata in questo mese nella vetrina internazionale di New York Festival…..  

…. Un pennello in fuga quello di Luciano De Liberato che, dopo le soddisfazioni ottenute nella Grande Mela, si spera riesca a trovare nuovo spazio anche nella sua patria.

0034134307

 

 

EXIBART.com  Italiani a New York, 23 marzo2012                        http://bit.ly/2hlaY3h

Luciano De Liberato è un artista “appartato” nel panorama italiano. Nato nel 1947, in Abruzzo, è attivo sul campo dal 1975. Avvicinato da critici e storici del calibro di Lorenza Trucchi, Maurizio Fagiolo dell’Arco, Filiberto Menna ed Enrico Crispolti, ha continuato nell’arte un percorso schivo e autentico…… oggi il suo nome sale alla ribalta perché Red, un acrilico su tela del 2003, è stato selezionato tra migliaia di altre immagini per illustrare il programma del Lincoln Center Festival, che partirà a New York il prossimo 5 luglio…..

…..Red diventerà l’intreccio ufficiale dell’estate degli spettacoli newyorkesi…..

….. E la bandiera per rivendicare un sistema senza raccomandazioni di sorta, dove i nomi non fanno differenza


 

CECILIA GAETANI  –   Il Resto del Carlino                 Emozione pura, brividi, energia che s’irradia dall’interno sono le sensazioni trasmesse da una mostra che lascerà una traccia indelebile nella storia della Galleria Comunale d’Arte Moderna di Cesena …..   (estratto dalla recensione della personale a Palazzo del Ridotto, Cesena) 

 

VARIO, n° 54, 2005,  “Luciano de Liberato”  L’arte, che intreccio !

di Annamaria Cirillo

 

DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDD

Luciano de Liberato

Painter. Lives and works in Italy. Among the protagonists of European painting in the 80’s, De Liberato has 49 solo exhibitions, including in the prestigious International Fair Art Basel1983 and 1984. Since 1990 to devote exclusively to his work, he retired to his study in the Italian province. All his work is created through research cycles. Since 1994 he uses a unique and very personal language, as well as authentic poetry that are away from fads and mannerist trends. In 2011 he was invited to the Italian Pavilion (Abruzzo) of the Venice Biennale. In 2012 one of his works, “RED”, was chosen as an image of the Lincoln Center Festival in New York, which gave to his work global renown. 

 

  Inside the Studio 

   Video a cura di Saatchi Art , Los Angeles

 

 

(…..) la scelta profondamente consapevole di Luciano de Liberato volta a seguire il cammino difficile e coraggioso della ricerca solitaria, appartata, del cortocircuito pittura/pensiero che non ammette distrazioni, mode, compromessi, facile carrierismo, viavai frenetici di relazioni sociali.

(…..) Questa sua natura di rigoroso sperimentatore, concentrato esclusivamente sull’ossessione pittorica, lo ha portato a rifiutare, senza alcuna spocchia, nel corso degli anni, occasioni e relazioni che altri artisti avrebbero invece cercato con foga ambiziosa: fra le tante, nel 1982 non diede seguito all’invito di Giorgio Marconi a lavorare con la sua Galleria (…..) oppure, nel 1984 non incoraggiò la curiosità di critici autorevoli come A. Bonito Oliva (…..) o non diede seguito all’interesse del fondatore di “Flash Art” Giancarlo Politi che nel 1978, (vedendo alcuni suoi lavori nello studio di Claudio Verna a Roma) lo invitò a contattare cinque gallerie di prim’ordine a suo nome (…..)

(…..) Né va trascurata la stima di artisti come Piero Dorazio (espressa più volte allo scrivente) e Concetto Pozzati (intervistato dal TG3 nel 1984 in merito alla Fiera di Bologna disse che il lavoro di De Liberato era l’unico degno di nota per novità e qualità) (…..) 

(…..) Se vivessimo in un paese minimamente all’altezza del proprio glorioso passato, a Luciano De Liberato sarebbe riconosciuto un posto di primissimo piano nell’Olimpo dei nostri artisti contemporanei.

(estratto da “Luciano de Liberato: la pittura come ossessione”)  Gabriele Simongini, Roma, Gennaio 2016

 

GABRIELE SIMONGINI Il cyberpittore dal cuore antico”

                                                                  ….. ma oggi pochissimi artisti italiani e forse internazionali possono vantare un’ intensità pari a quella raggiunta da De Liberato, attraverso una riflessione quanto mai sintonizzata sullo spirito della nostra epoca, un’indubbia sapienza tecnica, una mirabile sintesi compositiva, un perentorio fulgore del colore e una visionaria potenza d’ impatto dell’ immagine. Alle radici di queste opere ci sono un’alta consapevolezza storica dell’ astrattismo nella sua costante evoluzione, un rigoroso e ascetico controllo formale…..

( estratto da un saggio sull’artista, Roma, genn. 2009)

 

 CORRIERE DELLA SERA 

Domenica 14 Agosto 2011 – Pagina Cultura – Articolo di Alberto Arbasino su Sandro Pertini. A corredo: Luciano de Liberato, nodo di marzo, 2000, acrilico su tela ( particolare)

 

GABRIELE SIMONGINI  “Se il pennello dialoga con il     mouse”  Terzoocchio n°5 – 2008


 ….. un pittore “puro” che si è giovato, con coraggio ed elasticità mentale, del mezzo informatico. E’ Luciano De Liberato, la cui ricerca, originalmente astratta, è stata apprezzata in passato da critici del calibro di Filiberto Menna e Maurizio Fagiolo dell’Arco, solo per citarne due ….

….. De Liberato ha sempre lavorato in un fiero ed assoluto isolamento, ma con i Labirinti, i Circuiti e i Robots la sua pittura attuale, superba pure da un punto di vista tecnico, ha raggiunto alti esiti che hanno pochi paragoni anche a livello internazionale….

 

EXIBART.com –   CECILIA ci  

 

  

 

 

 

 

 

…..ed  è  nella compiutezza della sua opera, che si possono individuare le linee della poetica di questo superbo astrattista…..

…..e quella voglia di rosso e di energia, di cui De Liberato non può fare a meno. Bande rosse, solo rosse…..e nasce “Rapsodia”, in una dimensione, in cui il ritmo visivo, evoca quello musicale. Capolavoro, fra le venti opere in esposizione, insieme a  “L’innesto” …..

( dalla recensione della personale a Palazzo del Ridotto, Cesena 2011)     http://bit.ly/2gEmLG3

r i d

 

 

Iniziare da un dubbio, insistente, circuente. Prosa o poesia?  Mi chiedo, ma forse anche tu te lo chiedi, quale delle due sia più adatta ad esprimere l’essenza del tanto valore “carpibile” dall’opera.

….. La vedi, tramutata dal colore, divenire groviglio, nodo, pacchetto, esteriorizzazione brillante di accostamenti arditi, alternanze ondulanti di caratteri percettivi, complessi ed articolati come nuovo lessico razionalmente codificato in un gioco di “movimento ed emozione” che sfugge ad ogni programma e diviene irrazionale. Quel gioco proviene da lontano ed è un gioco crudele, stessa radice di quell’io profondo vissuto nell’arte, per sé e per gli altri, nell’ autonomia di una propria dinamica psicologica, dalla spiritualità più elevata sino alle soglie pulsanti della trasgressione. 

….. E poi ti senti Vasco scorrere nelle vene, e la rabbia della vita, e il rimpianto feroce del tempo, e l’angoscia dell’inafferrabile e l’esistenza inesistente del domani, il desiderio urgente dell’oggi. Perché “…..la vita è un brivido che vola via… un gioco di equilibri sopra la follia…” E allora di fronte a quest’arte. arte sì. arte propriamente, arte grande con la A maiuscola, quale la decisione? Prosa o poesia? Di certo nessuna. Forse il silenzio. Perché è imbarazzante ed utopistico credere di poter trovare la formula giusta, diversa da quella dei tanti che già “tanto bene” hanno scelto. Di Luciano De Liberato è meglio cercar di comprendere l’itinerario dell’arte che qui di seguito ne percorre le tracce, e poi abbandonarsi al fluido esistenziale del suo intreccio, sintesi indagante di quell’inquietante pulsare d’emozioni e di incorporate promesse ancora celate in una nicchia oscura. Far parlare l’opera. Ascoltarla per ascoltarsi. Amarla questa voce in tutte quelle che il tempo umano della sua arte conterrà. Tutte quelle già d’oggi. di “sole e d’ombra graffiante”. come l’anima di questo artista che vola in una luce che cresce e che porta nel nome come un destino.

ANNAMARIA CIRILLO, Pescara 2000

 

GIUSEPPE SELVAGGI Le trame della vita dipinte con l’ago” Roma 1994 

Bellissima avventura mentale, e delle mani, questa di voler buttare pennelli tubetti di colore tavolozza ed ogni altro usuale strumento di pittura, per ottenere se possibile pittura ancora più bella. Soprattutto leggibile, e godibile al massimo dell’orgasmo visivo-emotivo con occhi d’oggi. Occhi nuovi, luci nuove, rapidità e silenzi nuovi.

…..in maniera del tutto poetica, dandoci un prodotto poetico persino con apparenze di sfida artigiana, ce lo dice con l’incanto delle sue opere il pittore, sino alle midolla delle ossa pittore, Luciano De Liberato…..

Nelle sale della Borgognona si possono allargare gli occhi dinnanzi a stesure anti-colore di neri-grigi-bianchi sino al raccoglimento e all’urlo. Nello specchio di altre opere è udibile il vortice geometrico, quindi fermabile ad ogni istante, di stesure che sono anche suoni e colori da musica di oggi. Sì, è positivo dirlo, anche da discoteca, ch’è il modo di oggi di essere persino romantici….. Gli stessi titoli, che sviano l’intento intimistico dell’opera con riferimenti al Sole e alla Luna, rivelano la capacità matematica di questo pittore, educato alla civiltà del numero, al post computer….. Eppure c’è solo sforzo di proiezione nel futuro in questa ricerca delle materie. Incroci e nodi, a volte in apparenza di casualità, a volte guidati da un progetto, sono altra prova della presenza di questo artista nel numero di quelli che si rendono conto della necessità di prevenire, dovere d’artista, le mutazioni del linguaggio, in prima quelli musicale e visivo che hanno i connotati di assoluta universalità. Questi accessi su una mostra da vedere sono una delle possibili chiavi di apertura di una mostra chiarissima eppure carica di mistero poetico: com’è della poesia.

(estratto dalla recensione della antologica alla Galleria La Borgognona su “il Giornale d’Italia”)

 

  MARCELLO VENTUROLI  –  Ostia 1993

 

E’ stato per me un momento straordinario il ritorno a Via dei Frentani nel grande studio a Chieti, dove per oltre tre anni Luciano De Liberato s’è chiuso come un eremita a fare soltanto il pittore. Lui che entrato fra i giovani emergenti intorno al 1975 di prepotenza e conquistando successi inequivocabili come “neo pittore” si era talmente affermato in un lustro (l’attenzione appassionata dei critici d’arte di punta, da Lorenza Trucchi a Filiberto Menna, da Maurizio Fagiolo dell’Arco a chi scrive, le segnalazioni sulle riviste più prestigiose, la simpatia attiva di gallerie d’arte del massimo impegno…..

 (estratto da un saggio sull’artista, per la mostra antologica a Roma alla Galleria “La Borgognona”)

 

MAURIZIO FAGIOLO dell’Arco  

“Oggetto dell’ intelletto” Roma 1978

…… Costruire immagini “chiare e distinte” non è certo la via più facile: implica nientemeno che un “discours de la méthode”. E tutta analitica è la strada scelta da Luciano De Liberato….. Tanti i compagni di strada (i materialisti all’inizio, e poi Verna, Battaglia, Piattella) ma silenziosa la sua ricerca di oggi nel labor-oratorium dove queste pazienti opere affiorano alla luce sempre contorta della coscienza. Il tutto con la scelta tattica del lavoro, con la strategia dell’Assenza ……. Antico mistero, in fondo, di tutta l’operazione artistica, questo tentativo di riempire un vuoto con il pieno del proprio esistere per ricominciare tutto il discorso nella tela dopo che è ancora da riempire…….  ma per l’Operazione Segno condotta oggi da De Liberato, non trovo migliore definizione di quella che del disegno dava Federico Zuccari: ” Oggetto dell’ intelletto”

(estratto dal testo di presentazione per la personale a Roma, allo “Studio Artivisive” a cura di Maurizio Fagiolo dell’Arco e Filiberto Menna)

 

  BASEL – International Art Expo – 1983 – 1984 –           Galleria Artivisive Roma – Personali

 

   NEW YORK – LINCOLN  CENTER  FESTIVAL  Catalogo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.