Luciano de Liberato 

Painter. Lives and works in Italy. He began working in art in 1975, immediately attracting a lot of interest among the most important Italian art critics and historians (Filiberto Menna, Maurizio Fagiolo dell’Arco, Enrico Crispolti, Lorenza Trucchi). He was considered a young master and one of the great Italian colourists. De Liberato has more than 40 solo exhibitions, including in the prestigious Art Basel1983 and 1984. Since 1990 to devote exclusively to his work, he retired to his study in the Italian province. All his work is created through research cycles. Since 1994 he uses a unique and very personal language, as well as authentic poetry that are away from fads and mannerist trends. In 2011 he was invited to the Italian Pavilion (Abruzzo) of the Venice Biennale. In 2012 one of his works, “RED”, was chosen as an image of the Lincoln Center Festival in New York, which gave to his work global renown.

In 2011 he decided to close all relations with the Italian galleries and work exclusively in international fora.

_____________________________________

Luciano de Liberato ha iniziato l’attività nell’arte nel 1975, suscitando immediato e fattivo interesse tra i più importanti critici e storici dell’arte italiana (Filiberto Menna, Maurizio Fagiolo dell’Arco, Enrico Crispolti, Marcello Venturoli, Lorenza Trucchi, Franco Solmi, Giuseppe Marchiori). Fu considerato un giovane maestro e uno dei grandi coloristi italiani. De Liberato ha in attivo più di 40 mostre personali, anche nella prestigiosa “Art Basel” nel 1983 e nel 1984. Nel 1975 vince il “Premio Lubiam”. Nel 1980 è “Segnalato Bolaffi per la Pittura”. Nel 1981 è inserito su “Capital” tra i giovani artisti emergenti. Dal 1990, per dedicarsi esclusivamente al suo lavoro, si ritira nel suo studio nella provincia italiana. Tutto il suo lavoro è condotto mediante cicli di ricerca. Dal 1994 utilizza un linguaggio unico e personalissimo, con una poetica autentica, fuori da mode e tendenze manieriste. Nel 2011 è stato invitato al Padiglione Italia (Abruzzo) della Biennale di Venezia. 

Dal 2011 ha scelto di chiudere tutti i rapporti in essere con le gallerie italiane e lavorare solo in ambiti internazionali.

. Nel 2012 a New York una sua opera, “Rosso”, è stata scelta come immagine del Lincoln Center Festival; evento che ha portato tutto il suo lavoro a notorietà mondiale.

. Nel 2014, è stato inserito in una selezione dei curatori internazionali di “ARTISTADAY” (U.S.A.) tra i TOP 10 artisti italiani.

. Nel 2015, a New York, Basak Malone Gallery lo ha presentato in “The New Collectors Book”, volume con una raccolta selezionata di “artisti rari e artisti affermati a livello internazionale”

_____________________________________

Gabriele Simongini   

…La pittura di De Liberato ha ormai raggiunto un’intensità di livello internazionale che ancora non è stata ben compresa nel nostro paese, chiuso in un provincialismo forse irredimibile. Per rendersene conto rapidamente basta scorrere le pagine dedicate all’Astrazione pura e all’Astrazione ambigua nel volume “Pittura Oggi” di Tony Godfrey, pubblicato dal principe degli editori d’arte, Phaidon. Ebbene, da un punto di vista linguistico De Liberato è, più o meno consapevolmente, quanto mai vicino a questa dimensione cosmopolita, aperta, multiforme, sintonizzata sulle inquietudini contemporanee ma ben attenta alle ragioni di una pittura sospesa fra l’eredità di una lunghissima tradizione e una virtualità tecnologica ormai imperante.

(estratto dal testo per la mostra personale di Luciano de Liberato al Palazzo del Ridotto Cesena 2011)

….. ma oggi pochissimi artisti italiani e forse internazionali possono vantare un’intensità pari a quella raggiunta da De Liberato, attraverso una riflessione quanto mai sintonizzata sullo spirito della nostra epoca, un’indubbia sapienza tecnica, una mirabile sintesi compositiva, un perentorio fulgore del colore e una visionaria potenza d’impatto dell’immagine. Alle radici di queste opere ci sono un’alta consapevolezza storica dell’astrattismo nella sua costante evoluzione, un rigoroso e ascetico controllo formale…..

(estratto da un saggio sull’artista, Roma, genn. 2009)

___________________________________________

Giuseppe Selvaggi  “Le trame della vita dipinte con l’ago”  Roma 1994

…..in maniera del tutto poetica, dandoci un prodotto poetico persino con apparenze di sfida artigiana, ce lo dice con l’incanto delle sue opere il pittore, sino alle midolla delle ossa pittore, Luciano De Liberato….. 

(estratto dalla recensione della mostra personale antologica di Luciano de Liberato alla Galleria La Borgognona, su “il Giornale d’Italia”)

___________________________________________

Marcello Venturoli     Ostia 1993

E’ stato per me un momento straordinario il ritorno a Via dei Frentani nel grande studio a Chieti, dove Luciano De Liberato s’è chiuso come un eremita a fare soltanto il pittore. Lui che entrato fra i giovani emergenti intorno al 1975 di prepotenza e conquistando successi inequivocabili come “neo pittore” si era talmente affermato in un lustro (l’attenzione appassionata dei critici d’arte di punta, da Lorenza Trucchi a Filiberto Menna, da Maurizio Fagiolo dell’Arco a chi scrive, le segnalazioni sulle riviste più prestigiose, la simpatia attiva di gallerie d’arte del massimo impegno…..

(estratto da un saggio sull’artista, per la mostra personale antologica di Luciano de Liberato, a Roma, alla Galleria “La Borgognona”)

____________________________________________________

Maurizio Fagiolo dell’Arco     Roma 1978

…… Costruire immagini “chiare e distinte” non è certo la via più facile: implica nientemeno che un “discours de la méthode”. E tutta analitica è la strada scelta da De Liberato…..con la scelta tattica del lavoro, con la strategia dell’assenza. Conta nel primo caso l’esperienza di chi guarda, nel secondo il mistero di chi fa……ma per l’Operazione Segno condotta oggi da De Liberato, non trovo migliore definizione di quella che del disegno dava Federico Zuccari: ” Oggetto dell’ intelletto”

(estratto dal testo di presentazione per la personale a Roma di Luciano de Liberato allo “Studio Artivisive” in Via Brunetti a cura di Filiberto Menna e Maurizio Fagiolo dell’ Arco)

_____________________________________

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      _______  

 

 

00000home 0 -ultima bassagiallo001artistadaygiallo002lincolngiallo003rai   ultima

 

 
giallo

004SAAgiallo005RAI ultimissimo   - Copia 006 you tube ultimissimo   - Copia 

giallo